Elisa Sighicelli

Untitled (4301)

“Negli ormai ultimi vent’anni di attività i miei lavori potrebbero sembrare diversi tra loro, ma in realtà la mia pratica è sempre stata una riflessione sull’atto del vedere, sul ruolo e sulle possibilità della fotografia nella relazione tra rappresentazione e realtà, tra virtuale e fisico”.

Dono dell’artista. Fotografia stampata su raso, 2018, cm 143,5 x 223.

Resume navigation

Nata nel 1968 a Torino, dove vive e lavora.

Fotografa e video artista, Elisa Sighicelli studia design tessile a Firenze e successivamente consegue il Master in Fine Arts alla Slade School di Londra. Il suo lavoro è incentrato sull’utilizzo della fotografia a colori con una particolare tecnica di montaggio su light box che le permette di retroilluminare solo determinate aree dell’immagine. Particolarmente interessata all’esplorazione del rapporto tra la luce, il paesaggio naturale e quello domestico, Sighicelli usa la fotografia come materiale prima che come medium, “cercando soluzioni formali per estendere lo spazio della rappresentazione nello spazio reale dello spettatore e viceversa in un gioco tra la due e le tre dimensioni”, afferma l’artista in una recente intervista. Riflettendo così sui più cruciali temi della storia dell’arte – la rappresentazione, le ambiguità del vedere e l’impossibilità di non vedersi – e il ruolo della fotografia, intesa per l’appunto come oggetto, soggetto, strumento e metafora in un processo che pone domande fondanti, l’artista si interroga sulla percezione stessa, sempre mediata tra esperienza e medium. Anche il supporto diventa un elemento distintivo, la seta, il raso, il marmo sono materiali inusuali inutilizzati dall’artista.

Elisa Sighicelli

Untitled (4301)

“In the last, by now, twenty years of activity, my works may seem different from each other, but in reality, my practice has always been a reflection on the act of seeing, on the role and possibility of photography in relation to the representation of reality, between the virtual and physical.”

Donated by the artist. Photograph printed on satin, 2018, 223 x 143.5 cm.

Resume navigation

Born in Turin, in 1968, where she lives and works.

A photographer and video artist from Turin, Elisa Sighicelli studied textile design in Florence and later obtained a Master in Fine Arts from the Slade School in London. Her work focuses on the use of colour photography with a particular editing technique using light boxes that allows her to backlight only certain areas of the image. Particularly interested in exploring the relationship between light, the natural and domestic landscape, Sighicelli uses photography as a material rather than a medium, “seeking formal solutions to extend the space of representation into the real space of the viewer and vice versa, exploiting the interplay between two and three dimensions,” said the artist in a recent interview. Reflecting on the key themes of art history – representation, the ambiguities of seeing and the impossibility of not seeing oneself – and the role of photography – viewed as object, subject, instrument and metaphor in a process that asks fundamental questions – the artist questions perception itself, always mediated between experience and the medium. Even the medium itself becomes a distinctive element: silk, satin, marble are the unusual materials used by the artist.